Gli ‘operatori’ delle donazioni

«Il Procurement di organi e tessuti – chiarisce la dottoressa Anna Guermani, coordinatrice regionale delle donazioni e dei prelievi – è una ‘rete’ di 34 ospedali, che lavorano in sinergia per accogliere la volontà donativa dei pazienti e garantire la possibilità di cura a chi è in attesa di un trapianto». Un valore aggiunto di questa rete sono gli infermieri, che hanno un ruolo importante e delicato, quotidianamente a tu per tu con chi la vita la perde.

«La nostra mansione – commenta Marco Maura – richiede da un lato la conoscenza delle procedure di donazione e dall’altra un’alta sensibilità: accogliamo i parenti dei donatori, li supportiamo, li consoliamo, li accompagniamo nel percorso donativo con fermezza e al tempo stesso delicatezza. Un compito che in periodo di pandemia ha richiesto lo sviluppo di nuove capacità, come imparare ad abbracciare senza abbracciarsi fisicamente, comunicando attraverso gli occhi e la gestualità. Spesso i famigliari sono sottovalutati, invece sono meritevoli di attenzione, supporto e di un riconoscimento particolare. Infatti, scegliere di donare è un grande gesto fatto alla società: la donazione è un momento in cui nel dramma e nella fatica si ha ancora una opportunità di ridare la vita a un’altra persona».

In qualsiasi situazione, l’infermiere che si (pre)occupa del procurement, come Marco e i tanti suoi colleghi, deve essere in grado di entrare in punta di piedi nella vita delle persone in un momento tragico, per non invadere la sensibilità dell’altro. Un lavoro delicato, che fonde elevata professionalità, frutto di formazione specifica appresa attraverso studi dedicati e esperienza sul campo.