Tag Archivio per: stati generali

Manuali di comunicazione per donazioni e per trapianti

Manuali di comunicazione per donazioni e per trapianti.

Delle 5 sessioni in cui si è articolata la tre giorni della rete trapiantologica a Roma, quella dedicata a organizzazione e strategie di comunicazioni è stata la più affollata delle relazioni.

La prima – a due voci, con Lia Bellis del Centro Nazionale Trapianti (CNT) e Anna De Santi dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS)- ha dato conto del progetto e della struttura con cui sono stati pensati e realizzati i Manuali di comunicazione. Il progetto, proposto dall’ISS al CNT, si avvantaggia di un retroterra di esperienza nella realizzazione di simili strumenti pluriennale in ISS – esempi di collaudata efficacia sono i manuali in ambito oncologico, riabilitativo, HIV/AIDS, SLA, DEA, e Ictus.

A COSA SERVONO QUESTI MANUALI?

Si tratta di manuali pensati come strumenti di lavoro per aiutare i professionisti nell’ambito della donazione e dei trapianti di organo e tessuti: per aumentare la propria sensibilità su aspetti e problemi comunicativi, psicologici, etici e pratici che intervengono nella prestazione professionale con i familiari e tra loro stessi.

Sono anche uno strumento di valutazione sia come singoli operatori, sia come membri di un’equipe, valutando lo stile comunicativo e relazionale nei diversi momenti della donazione e del trapianto.

Infine, in virtù del processo che porta alla redazione di tali volumi, sono anche uno strumento di autoformazione della comunicazione e nella relazione di aiuto alla famiglia nel percorso di donazione e con il paziente trapiantato.

All’interno dei manuali sono stati previsti indicatori di qualità nella comunicazione operatore/paziente e check list per l’autovalutazione.

COME SONO STATI COSTRUITI?

Particolarmente interessante il processo per la costruzione dei Manuali, iniziato con la costruzione dei gruppi di lavoro, la scelta dei coordinatori, l’individuazione delle principali fasi del processo donativo, la stesura delle check list e la discussione per la revisione in sede plenaria delle stesse, la sperimentazione pilota per la definizione dello strumento, la presentazione del Manuale in un convegno, la formazione delle equipe per l’utilizzo del manuale e, infine, la diffusione e implementazione dello stesso. Il gruppo di lavoro ha messo insieme persone del gruppo C.A.R.E. dell’ISS e del CNT.

PERCHÉ DUE MANUALI?

Si è poi deciso di realizzare due Manuali separati, uno dedicato alla Donazione e l’altro ai Trapianti. Autori dei due volumi sono rappresentanti della Rete Nazionale e opinion leaders provenienti da tutte le Regioni. Il percorso di sperimentazione e ri-editing del Manuale di valutazione della comunicazione nei processi di donazione si è concluso e il testo definitivo, on-line sul sito dell’ISS dal 11 gennaio verrà presentato in un convegno di lancio il prossimo aprile a Roma.

Il Manuale di valutazione della comunicazione nei processi di Trapianto entrerà in sperimentazione il prossimo marzo ed entro l’estate/autunno sarà on-line e presentato in un convegno, sempre in Istituto Superiore di Sanità.

DOVE TROVO IL PRIMO MANUALE DEDICATO ALLE DONAZIONI?

Trovi il manuale dedicato alle donazioni qui: https://www.iss.it/-/rapporto-istisan-23/27-manuale-di-valutazione-della-comunicazione-nella-donazione-di-organi-e-tessuti-gruppo-care-comunicazione-accoglienza-rispetto-empatia-e-gruppo-cnt-centro-nazionale-trapianti-

 

 

Stati generali della rete trapiantologica: bene ma occorre fare ancora meglio

Stati generali della rete trapiantologica: bene ma occorre fare ancora meglio.

Si è appena conclusa a Roma la consueta tre giorni della Rete Nazionale Trapianti. Oltre 400 addetti ai lavori si sono riuniti e, numeri alla mano, hanno presentato e discusso i dati di attività dell’anno che si è appena concluso.

Il 2023 è stato anno fantastico: 2.042 donazioni(+11,6%) e 4.462 trapianti pari a un incremento – rispetto al 2022 – del 15,1%, con un + 46% per i trapianti di cuore. Numeri di eccellenza che posizionano l’Italia seconda in Europa, dietro alla Spagna anche per il tasso nazionale di donazione. Se ci sono le ragioni per rallegrarsi, occorre non dimenticare però che oltre 8.000 pazienti vivono in lista d’attesa.

Il ministro Schillaci, intervenendo al convegno, ha sottolineato l’impegno a rendere sempre più efficiente la rete trapiantologica e a far crescere la cultura del dono. Su questo aspetto esistono marcate differenze regionali tra Nord e Sud.

Le prime tre Regioni nell’ipotetica classifica dei donatori sono l’Emilia-Romagna con 51,1 donatori utilizzati per milione di persone (pmp) , il Veneto con 46,4 e la Toscana con 45,6.

Il Piemonte e la Valle d’Aosta registrano delle ottime performance con, rispettivamente, 39 e 40,5 donatori pmp. Lontani i numeri delle regioni del Sud con l’eccezione della Sardegna.

I tassi di opposizione al prelievo di organi e tessuti sono rimasti invariati e il fabbisogno non è affatto soddisfatto. Nelle rianimazioni la percentuale di chi rifiuta la donazione è cresciuto sia pur di poco (+0,7) assestandosi allo 30,5%. Almeno in parte, questo dato risente del fatto che sempre più persone hanno registrato la loro volontà di dono o di rifiuto al momento del rinnovo della carta di identità. Nel sistema informativo trapianti sono oltre 18 milioni le dichiarazioni registrate e prossimamente in rianimazione giungeranno in misura sempre maggiore persone con consenso o opposizione già definiti.

Al rinnovo della carta di identità nel 2023 si sono espressi a favore della donazione dei propri organi 2,4 milioni di cittadini (68,5%) e coloro che si sono opposti sono stati 1,1 milioni (31,5%). Da questo scenario deriva la necessità di attivare forme rapide di dichiarazione preventiva di volontà – svincolata dai tempi del rinnovo del proprio documento – e di contestuale promozione della cultura del dono “È obiettivo prioritario” – ha affermato il ministro, anticipando che entro l’anno “l’attivazione del portale digitale del CIE permetterà ai cittadini di registrare la propria dichiarazione senza recarsi negli uffici anagrafe del proprio comune”.